All posts by Stefano Alpini

DEAREST

Martedì 09 febbraio, ore 21.00-Stazione Leopolda

Shenzhen, Cina meridionale. Quando il loro figlio di tre anni scompare, Tiam Wen-jun e l’ex moglie Lu Xiao-juan si ritrovano con le vite totalmente sconvolte. Sopraffatti dai sensi di colpa, lottano per far fronte a un incubo senza fine che chiunque può comprendere. Nonostante ricerchino il bambino in mezzo Paese, non ottengono alcun risultato e l’attesa diventa sempre più insopportabile, facendoli aggrappare a ogni piccolo barlume di speranza. Prima che ritrovino il figlio e inizino una battaglia contro la donna che lo ha nel frattempo cresciuto, passeranno tre anni e molte cose saranno cambiate.

THE GRANDMASTER

Giovedì 11 febbraio, ore 21.00-Stazione Leopolda

https://www.youtube.com/watch?v=X1NQc6D7fHY

Il film inizia con la storia di Ip Man (Tony Leung), il leggendario maestro di Bruce Lee e della scuola di kung fu Wing Chun,e si trasforma in un grande affresco di un’epoca e di un mondo scomparsi.

Ip Man nasce a Foshan, nel sud della Cina, in una famiglia benestante. Sua moglie Zhang Yongcheng (Song Hye Kyo) è una discendente della dinastia Manciù. Come ogni appassionato di Wing Chun, frequenta il Padiglione d’Oro, un elegante bordello dove si incontrano i maestri di kung fu di Foshan, e dove anche le donne custodiscono alcuni segreti delle arti marziali.

Nel 1936 la Cina è alle prese con alcune turbolenze politiche e con la minaccia della divisione. I giapponesi hanno invaso le provincie del nord-est, meglio note come Manciuria. Costretto a lasciare la Manciuria occupata, arriva a Foshan il Gran Maestro delle arti marziali della Cina del nord, Gong Baosen (Wang Qingxiang). C’è già stato in passato, per favorire gli scambi tra artisti marziali del nord e del sud, ma questa volta viene a festeggiare al Padiglione d’Oro il suo imminente ritiro.

La cerimonia prevede una sfida e una sua esibizione di arti marziali con un uomo più giovane. Nel corso di un evento analogo che si era tenuto al nord, il ruolo del concorrente era toccato al discepolo e successore di Gong, Ma San (Zhang Jin). Per assistere alla cerimonia arriva anche la figlia del vecchio maestro, Gong Er (Ziyi Zhang), unica erede della micidiale “tecnica delle 64 mani”, dello stile Bagua, creata da Baosen. E qui incontrerà Ip Man.

Chi ha le carte in regola per accettare la sfida del Gran Maestro? Di sfida in sfida, i maestri si misurano gli uni con gli altri.

Nel frattempo, l’occupazione giapponese del nord-est prepara il terreno per un tradimento che sconvolgerà il mondo del maestro Gong. E costringerà sua figlia Gong Er a prendere una decisione che cambierà il corso della sua vita.

Gong Er e Ip Man si incontrano di nuovo negli anni cinquanta, a Hong Kong: un nuovo mondo popolato da vecchie alleanze, risentimenti duri a morire e frammenti di vite e desideri passati. Dopo che i giapponesi hanno invaso Foshan, Ip Man vive anni duri e terribili, senza mai lasciarsi piegare dalle avversità.  Apre  una scuola di Wing Chun a Hong Kong, e ben presto conquista molti discepoli devoti (tra cui Bruce Lee) e diffonde questa forma di kung fu, che è ancora insegnata e praticata nelle scuole di arti marziali di tutto il mondo.

FUOCHI D’ARTIFICIO IN PIENO GIORNO

Mercoledì 10 febbraio, ore 21.00-Stazione Leopolda

https://www.youtube.com/watch?v=v5_XmDRp1Lk

Cina del Nord, 1999. In un piccola cittadina vengono scoperti una serie di cadaveri. Un terribile incidente occorso durante un tentativo di cattura del killer lascia due poliziotti a terra morti e un terzo gravemente ferito. L’agente sopravvissuto, Zhang Zili, viene sospeso dall’incarico ed è costretto ad andare a lavorare in una fabbrica come guardia di sicurezza. Cinque anni dopo nuovi omicidi si verifi cano. Aiutato da un ex collega, Zhang decide di investigare sul caso e scopre che le vittime sono collegate a Wu Zhizhen, una giovane donna che lavora in una lavanderia. Fingendosi cliente, Zhang comincia a osservarla e ben presto se ne innamora.

 

Programma Pisa Chinese Film Festival 2015

edizione 2015 del pisa chinese film festival

 

Mercoledì 18 febbraio 2015

ore 18.30 – Stazione Leopolda
Inaugurazione – mostra Made in China – Giovani artisti cinesi in Italia, una collettiva composta da dipinti, sculture, e fotografia degli studenti cinesi residenti presso l’Accademia delle Belle Arti di Firenze e Carrara, a cura di Elvira Todaro. La mostra sarà allestita per  l’intera durata del festival. Durante l’inaugurazione gli studenti svolgeranno la cerimonia del tè.

ore 19.30 – Stazione Leopolda
aperiMOVIE: aperitivo a Km0 curato dalla Bottega della Leopolda

ore 20.30 – Stazione Leopolda
Proiezione di Sogni di gloria di John Snellinberg (Italia, 2014, 94’)

Intervengono:

Patrizio Gioffredi, regista

Xiuzhong Zhang, attore

Sinossi

Ep. 1 GIULIO Giulio, un trentenne cassaintegrato, è stanco, amareggiato e viene convinto a sbattezzarsi da un collega anarchico. Lo scandalo serpeggia quando i familiari di Giulio, religiosissimi, vengono a conoscenza delle sue intenzioni: sconvolti dalla volontà del ragazzo, metteranno in piedi un piano per farlo desistere ad ogni costo…

 

Ep. 2 朱利奥 (GIULIO) Giulio, studente cinese che vive in Italia, fa amicizia con Maurino, un vecchio giocatore di carte pratese, che lo instrada al piacere del gioco e gli insegna qualcosa sulla vita. Sullo sfondo di un torneo di briscola, scopa e tressette popolato da personaggi stralunati.

Giovedì 19 febbraio 2015

ore 19.30 – Stazione Leopolda
aperiMOVIE: aperitivo a Km0 curato dalla Bottega della Leopolda

a seguire, ore 20.30: Proiezione di Il tocco del peccato (A touch of sin) di Jia Zhangke (Cina, 2013, 128’)

Sinossi

Quattro storie estreme. Uno spaccato della Cina moderna: un gigante economico cresciuto in fretta, esasperando il conflitto fra le classi sociali. Un minatore si rivolta contro i corrotti del suo villaggio. Un operaio di ritorno a casa per il Capodanno scopre che una pistola è l’unica cosa in grado di dargli emozioni. Una gentile receptionist in un centro benessere viene spinta al limite dall’arrogante aggressione di un ricco cliente. Un giovane operaio passa da un lavoro all’altro nel disperato tentativo di migliorare la propria vita.

Venerdì 20 febbraio 2015

ore 19.30 – Stazione Leopolda
aperiMOVIE: aperitivo a Km0 curato dalla Bottega della Leopolda

a seguire, ore 20.30: Proiezione di China Eavyweight di Yung Chang (Canada, 2012, 94′)

Prima, durante e dopo la proiezione incontro con il dott. Airaldo Piva, amministratore delegato di Hengdian Group Europe, premiato con il National Friendship Award of China nel 2010 per i risultati raggiunti nella creazione di solidi rapporti di partnership tra aziende europee e cinesi.

Hengdian Group (HG) è tra i primi 10 gruppi privati cinesi, con un fatturato annuo che supera i 2 miliardi di euro. Ha sede legale nella città di Hengdian, nella provincia dello Zhejiang, a circa 4 ore di auto da Shanghai. Il gruppo è composto da circa 160 società controllate e, complessivamente, da oltre 55.000 dipendenti. I settori principali in cui HG opera sono: elettronico, motori elettrici, chimico-farmaceutico, entertainment e retail. HG, per i suoi studios di produzione cinematografica (tra i più grandi al mondo), è anche nota come Chinawood, la Hollywood cinese. Il gruppo dedica forte attenzione e investimenti anche in ambito sociale, in particolare con la realizzazione di proprie scuole e ospedali.  Nel 2007 ha aperto a Milano HG Europe s.r.l., unica filiale europea del gruppo.

Sabato 21 febbraio 2015

ore 15.30 – Piazza XX settembre
Festa del capodanno cinese: parata per le vie del centro che si concluderà presso la Stazione Leopolda

ore 18.30 – Stazione Leopolda
Proiezione de La guerra dei fiori rossi di Zhang Yuan (Cina, 2000, 92’).

Sinossi

Qiang alla tenera età di quattro anni, viene mandato in un asilo nido a tempo pieno. Dopo pochi giorni Qiang è già diventato l’incubo delle maestre. Fa la pipì a letto, fa il prepotente con i più piccoli, specialmente con le femmine, che ben presto scoprirà essere diverse dai maschi. Qiang, invece di obbedire agli ingegneri di anime che vogliono omologare tutti i ragazzi allo stesso comportamento, fa degli anni dell’asilo il suo apprendistato di piccolo ribelle controcorrente.

Il film è particolarmente indicato alla visione dei bambini e delle famiglie.

Introduce Danilo Soscia, studioso e giornalista

Giovedì 26 febbraio 2015 

ore 10.00 – Università di Pisa – Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, aula G1 Polo Guidotti, via Trieste 38.

Seminario: La Cina nella videoarte di Robert Cahen

Interviene e commenta prof.ssa Sandra Lischi

Venerdì 27 febbraio 2015

ore 16.00 – Università di Pisa – Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere, aula G2 Polo Guidotti, via Trieste 38.

Seminario: I quartieri cinesi di Bruno Oliviero

Introduce dott. Danilo Soscia